8 million liters of water saved so far by our reusing initiative

Che impatto ha la crisi del gas sull'industria tessile? | Recovo

© Immagine per gentile concessione di Euratex

 

Il segretario stampa del Cremlino, Dmitry Peskov, ha annunciato la scorsa settimana che la Russia non invierà più gas all'Europa finché rimarranno in vigore le sanzioni innescate dalla guerra in Ucraina. I tagli hanno portato a prezzi del gas e dell'elettricità senza precedenti in Europa, esacerbando una crisi energetica iniziata alla fine dello scorso anno con l'impennata dei prezzi di elettricità, gas e petrolio.

Cosa significa l'aumento dei prezzi del gas per l'industria tessile?

Per l'industria tessile, la notizia si aggiunge all'incertezza creata dall'aumento dei prezzi della luce, del petrolio e delle materie prime e ai timori di un'imminente recessione. Ulteriori aumenti dei costi nella catena di produzione potrebbero avere un impatto insormontabile per l'industria tessile europea ad alta intensità energetica, soprattutto per quanto riguarda la filatura, la tintura e il finissaggio, e l'impossibilità di trasferire questi costi ai clienti ridurrebbe la competitività dell'Europa sul mercato internazionale.

Questo ha già portato a riduzioni della capacità produttiva e ad interruzioni della produzione. Se la situazione attuale persiste, si prevedono chiusure e trasferimenti della produzione al di fuori dell'Europa, con conseguente ulteriore deindustrializzazione del continente e maggiore dipendenza da fornitori esterni.

Alcuni segmenti specifici dell'industria tessile sono particolarmente vulnerabili. L'industria delle fibre artificiali, sintetiche e a base di cellulosa, ad esempio, è un settore ad alta intensità energetica e un grande consumatore di gas naturale nella produzione. La scomparsa dei prodotti in fibra europei avrebbe conseguenze immediate per l'industria tessile e per la società nel suo complesso. Anche la tintura e il finissaggio dei tessuti sono attività ad alta intensità energetica e sono essenziali nella catena del valore tessile, in quanto aggiungono valore ai prodotti tessili e agli indumenti attraverso tinture e funzioni speciali.

 

Misure richieste dal settore tessile e della moda alle autorità europee

Per questo Euratex, l'organizzazione con sede a Bruxelles che rappresenta circa 154.000 aziende del settore tessile e dell'abbigliamento nell'UE, chiede una strategia europea comune per affrontare l'attuale crisi energetica. Euratex propone alle autorità europee di rivedere il meccanismo dei prezzi dell'elettricità e di fissare un prezzo massimo del gas di 80 euro per megawattora nell'UE. D'altro canto, ritiene necessaria un'assistenza speciale alle aziende per evitare il fallimento e la delocalizzazione della produzione tessile al di fuori dell'Europa.

"I governi devono garantire che le industrie critiche come quella tessile e tutti i suoi segmenti possano assicurarsi contratti di gas ed elettricità verso la fine dell'anno a prezzi accessibili", afferma Euratex. "Un approvvigionamento energetico stabile e prevedibile è di fondamentale importanza. Le restrizioni e i razionamenti di gas dovrebbero essere utilizzati solo come ultima risorsa e non dovrebbero essere previsti tagli obbligatori ai consumi".

Oltre alle misure in discussione, Euratex ha dichiarato che sono aumentate le risposte nazionali contrastanti e non coordinate alla crisi energetica. Questo ha portato a un ambiente politico e normativo caotico, che ha messo ulteriore pressione su una catena di approvvigionamento pienamente integrata a livello europeo. È quindi importante adottare misure per garantire condizioni di parità nell'UE.

"Non si può più escludere uno scenario in cui interi segmenti dell'industria tessile scompaiano", afferma il presidente di Euratex Alberto Paccanelli. "Ciò comporterà la perdita di migliaia di aziende europee e di decine di migliaia di posti di lavoro, e aumenterà ulteriormente la dipendenza dell'Europa dall'esterno per i beni di prima necessità". Paccanelli ha sottolineato che questo vale in particolare per le PMI, che hanno bisogno di misure di sostegno temporanee come aiuti di Stato, agevolazioni fiscali e tetti ai prezzi dell'energia, per far fronte all'attuale crisi e prepararsi a una transizione verde a lungo termine.

Un modo per combattere l'aumento dei prezzi dei tessuti di nuova produzione è quello di riutilizzare i materiali esistenti. In Recovo potete trovare nel nostro catalogo tessuti che contribuiscono a ridurre i rifiuti tessili e l'impatto ambientale della moda. Potete anche provare a vendere i vostri avanzi di tessuto, magari qualcuno li sta cercando!

Non dimenticate di iscrivervi alla nostra newsletter per non perdere le novità in fatto di tessuti: avrete uno sconto del 10% sul vostro primo acquisto solo per esservi iscritti.

×
Having troubles to find a product? Send us your request qui

Main Menu